kinesio taping ginocchio

L’efficacia del kinesio taping nell’artrosi del ginocchio

L’osteoartrosi rappresenta una patologia a carattere cronico-degenerativo a carico delle articolazioni. Le più colpite sono quelle della colonna vertebrale, delle ginocchia, delle anche e delle dita delle mani e dei piedi. L’osteoartrosi è caratterizzata da danno a carico della cartilagine articolare, che si consuma non svolgendo più il ruolo di “ammortizzatore” tra i capi ossei articolari, che di conseguenza vengono in contatto tra loro danneggiandosi per frizione. Tipici del quadro artrosico sono gli osteofiti, becchetti ossei che si creano nelle aree periferiche delle zone sottoposte al carico, il cui scopo sarebbe quello di aumentare la superficie ossea di contatto e diminuire così il carico sull’articolazione.L’osteoartrosi è sicuramente tra i disturbi muscoloscheletrici più diffusi nella popolazione adulta. Affligge dal 15 al 40% delle persone sopra i 40 anni. La prevalenza è aumentata a causa dell’incremento dell’aspettativa media di vita. Il picco di massima incidenza si ha intorno ai 70 anni. L’artrosi alle ginocchia colpisce maggiormente il sesso femminile.

Tra le malattie articolari rappresenta la causa più importante di dolore ed invalidità permanente. Il 20% circa delle persone che ne risultano affette ha difficoltà nell’esecuzione delle attività della vita quotidiana, mentre l’11% necessita di un care-giver.

I fattori che possono favorirne la comparsa e l’evoluzione sono il sovrappeso (carico che grava sulle articolazioni), disturbi metabolici, malformazioni strutturali ( varismo, valgismo delle ginocchia, cifosi ecc), fattori meccanici , come posture scorrette e movimenti ripetuti , nonché traumatismi e microtraumatismi frequenti (es. nelle pratiche lavorative e sportive svolte in maniera intensa).

Sintomi

  • Dolore: di tipo meccanico, diminuisce o scompare a riposo.
  • Rigidità mattutina: diminuisce con il movimento
  • Limitazione funzionale

Trattamento

La terapia farmacologica, atta a contenere i sintomi, si basa principalmente sulla somministrazione di FANS (antiinfiammatori non steroidei) ed eventualmente cortisonici. Possono essere utili infiltrazioni di acido ialuronico (stimola i processi riparativi della cartilagine).

In fase avanzata, la dove sono presenti alterazioni anatomiche e biomeccaniche irreversibili, si ricorre alla chirurgia protesica.

La gestione del paziente artrosico prevede una variazione dello stile di vita, con perdita eventuale di peso, attività fisica regolare, presa in carico di tutte le patologie associate (diabete, disturbi vascolari ecc.).

A ciò si abbina un adeguato e personalizzato piano di lavoro fisioterapico ed osteopatico, allo scopo di ridurre il dolore , aumentare la mobilità articolare mantenendo la forza e l’elasticità di tutte le componenti peri-articolari (muscoli, tendini, legamenti, capsula) , intervenire su disordini posturali che possono creare alterazioni di carico , migliorare propriocezione (capacità di percepire e riconoscere la posizione del proprio corpo nello spazio e lo stato di contrazione dei propri muscoli) ed equilibrio.

Kinesio taping per il ginocchio

Tra le varie tecniche e strumenti che l’operatore ha a disposizione, si annovera anche il kinesio tape, adesivo in cotone elastico ed ipoallergenico, resistente all’acqua, applicato direttamente sulla cute e mantenuto in sede per più giorni.

Il cerotto, applicato da personale esperto, può potenziare gli effetti del trattamento riabilitativo, consolidandoli nel tempo, sia in fase acuta, cronica, di mantenimento che come prevenzione di infortuni e trumatismi..

Grazie al suo coefficiente di elasticità, trama, ritorno elastico ed alla distribuzione del collante, il kinesio tape concorre a ripristinare la corretta tensione muscolare; fornire un sostegno meccanico ai tendini; migliorare la circolazione sanguigna e linfatica favorendo il drenaggio; ridurre il dolore, diminuendo la pressione sui recettori , e favorire il ricentramento articolare.

Uno studio scientifico pubblicato recentemente (giugno 2019) ha valutato l’efficacia del kinesio taping in pazienti affetti da artrosi di ginocchio su dolore, range di movimento ( flessione ed estensione) ed attività funzionali. (- Time up and Go Test , in cui si misura il tempo che la persona impiega ad alzarsi da una sedia, camminare per 3 metri, girarsi e tornare a sedersi; – 6 minute Walk Test, in cui al paziente si chiede di camminare per 6 minuti lungo in corridoio di 30 metri di lunghezza avanti ed indietro. Si misura, in questo caso, la distanza percorsa.)

I pazienti, tutti di età superiore a 45 anni, divisi in due gruppi (applicazione corretta tape su quadricipite/gruppo controllo con applicazione scorretta) sono stati testati subito dopo l’applicazione del tape, un’ora dopo e quindi 72 ore dopo.

Risultati: lo studio dimostra differenze significative tra i due gruppi, evidenziando nel gruppo trattato una diminuzione del dolore ed un miglioramento del range di movimento ( aumento della flessione ed estensione attiva del ginocchio) e della funzione ( rilevata al Time Up and Go) sia 1 ora dopo l’applicazione del Kinesiotape che a 72 ore dall’applicazione .

Conclusioni: Il kinesio taping rappresenta una pratica economica ed efficace per contrastare il dolore nei pazienti con artrosi, per aumentare flessione ed estensione attiva di ginocchio (probabilmente attraverso un aumento della circolazione locale , alla stessa diminuzione del dolore ed al feedback sensoriale fornito) e per migliorare le performance funzionali, quali il cammino.

Il tape è un valido supporto al programma riabilitativo , permettendo di “fissare” il lavoro svolto nei giorni successivi.

J Exerc Rehabil. 2019 Aug 28;15(4):603-609. doi: 10.12965/jer.1938290.145. eCollection 2019 Aug.

Effects of kinesiotape on pain, range of motion, and functional status in patients with osteoarthritis: a randomized controlled trial.